La psicologia del feticcio taglio di capelli

SUGGERIMENTO: Si prega di leggere la voce nella sua interezza, dall’inizio alla fine, per il pieno beneficio e la comprensione. Ogni sezione successiva si basa sulle informazioni della sezione precedente.

Che cos’è un feticcio?

Un feticcio è l’associazione dell’eccitazione sessuale, con un atto, un oggetto o una parte del corpo non sessuale. Nella psicologia clinica, il feticismo è considerato una parafilia o un disturbo sessuale. Credo, tuttavia, che in una certa misura il feticismo sia una parte naturale della sessualità umana. La maggior parte di noi hanno preferenze personali per quanto riguarda ciò che desideriamo in un partner. Ad alcuni uomini piacciono le donne con i capelli biondi, altri preferiscono le rosse. Alcune donne preferiscono gli uomini con le spalle larghe, mentre altri prestano più attenzione a un uomo con gli occhi marroni profondi. Questi sono tutti sentimenti molto normali e importanti per la variazione genetica e nel processo di selezione naturale.

Tuttavia, quando queste preferenze diventano esagerate al punto che una persona non è più in grado di funzionare sessualmente senza lo stimolo feticistico, sorgono problemi. Un feticcio diventa un problema se uno o entrambi i seguenti criteri sono soddisfatti:

1.) Il feticcio porta uno a danneggiare gli altri.

2.) Il feticcio compromette la propria capacità di avere una vita sociale sana e una vita sessuale/romantica completa e soddisfacente.

Che cosa è un feticcio taglio di capelli?

Uno ha un feticcio taglio di capelli è lui è sessualmente eccitato da avere il proprio taglio di capelli, guardare gli altri hanno il loro taglio di capelli, o dare agli altri un taglio di capelli. Inoltre, la maggior parte di questi feticisti si sente sessualmente attratta da quelli con acconciature corte o estremamente corte, per la maggior parte del tempo ad esclusione degli uomini con i capelli lunghi.

È una brutta cosa?

Un feticcio di taglio di capelli è essenzialmente piuttosto benigno e innocuo. Nella maggior parte dei casi, non stai facendo del male a nessuno impegnandoti in questo feticcio. In molti casi, il feticcio può anche da una cosa positiva: Si può aggiungere un certo grado di eccitazione per la propria vita sessuale e può portare a prendere atto e la cura del suo aspetto.

Tuttavia, nel mio caso e nel caso di molti altri feticisti con cui ho avuto l’opportunità di parlare, il feticcio PUÒ compromettere la qualità della vita. Nel mio caso: Non riuscivo più a sentire un’attrazione verso il mio ragazzo perché aveva i capelli più lunghi, e mi sono trovato compulsivamente e continuamente ottenendo tagli di capelli estremi che non mi si addicevano. Improvvisamente; y, questo interesse per i tagli di capelli era diventato più una maledizione che una benedizione e sono diventato depresso e solo.

Dovrai valutare la tua situazione per determinare se i benefici superano le carenze.

L’analisi psicologica del feticismo del taglio di capelli: perché sono così come sono?

In realtà ho lavorato il coraggio di (anonimo) collegare il mio terapeuta e molti altri psicologi ad alcuni dei più popolari siti web fetish taglio di capelli (tra cui the Haircut Story Archive e the Buzzboard) per la loro opinione su quello che stava succedendo qui. Stranamente, le loro diagnosi si sono rivelate unanimi. OGNUNO di questi professionisti della salute mentale raccolse qualcosa che mi resi conto era il fattore sottostante al cuore di questo feticcio: una paura di evirazione.

Un ritratto di un tipico feticista del taglio di capelli

Ad un certo punto della vita di questi uomini, la loro mente subconscia ha creato una connessione intrinseca tra la loro mascolinità e la lunghezza dei loro capelli. Possono essersi sentiti effeminati in qualche aspetto della loro vita. Quasi tutti coloro che hanno questo interesse sono uomini gay. La società di solito associa l’omosessualità maschile con l’effeminatezza. Infatti, quando la maggior parte delle persone dicono “vero uomo” che cosa realmente significano è “un uomo eterosessuale.”Così, è molto probabilmente il caso che questi uomini inconsciamente interiorizzato la paura di essere trovato non essere un “vero uomo.”

Questi uomini di conseguenza si aggrapparono a cose che avrebbero permesso loro di affermare la loro mascolinità e dimostrare a se stessi e a coloro che li circondavano che erano veramente ” veri uomini.” Ad un certo punto, il loro subconscio ha ricevuto l’idea che la loro mascolinità e acconciatura fossero indissolubilmente legate. Possono aver ricevuto un messaggio del genere dai loro genitori, coetanei, anche i media. Molti feticisti ricordano di essere stati costretti a un taglio di capelli corto da bambino, o ammirando i tagli di capelli corti di ragazzi o uomini che incarnavano la mascolinità crescendo. Così, questi uomini vennero ad associare la mascolinità con i capelli corti, e vennero a giudicare la propria mascolinità e quella degli altri uomini dalla lunghezza dei loro capelli.

Questa associazione può diventare così forte che molti uomini si sentono evirati quando non hanno un’acconciatura corta. Essi possono inconsciamente utilizzare il loro hairsyle di sentirsi più maschile in presenza di altri uomini e donne. Di conseguenza, possono sentire un impulso compulsivo per ottenere un taglio di capelli più spesso di quanto sia realmente necessario.

Queste associazioni sono, ovviamente, irrazionali e i comportamenti risultanti, compulsivi. Nel caso dei feticisti del taglio di capelli, sono venuti a definire la loro mascolinità in base alla lunghezza dei loro capelli. La mascolinità non è intrinsecamente legata alla lunghezza dei propri capelli. Avere i capelli corti non rende uno un vero uomo. Avere i capelli lunghi non toglie la propria mascolinità intrinseca. La maggior parte degli uomini, infatti, indossa i capelli relativamente più corti delle donne. Tuttavia, anche se i capelli corti possono essere una manifestazione di mascolinità innata e possono servire a sottolineare i tratti maschili (i capelli più corti possono portare più attenzione alle caratteristiche sessuali secondarie, come una grande fronte e una mascella quadrata, anche se i capelli lunghi in realtà hanno lo stesso effetto gran parte del tempo), non segue che i capelli corti siano un fattore

Va notato che molti di questi uomini si rivolgono anche ad altri metodi per dimostrare la loro mascolinità: alcuni adottano un personaggio macho, indossando giacche di pelle o giacca e cravatta, o addirittura trasformando la loro paura di evirazione in un odio per la femminilità: la misoginia è comune tra questa comunità.

Basta leggere alcuni dei post sulla Buzzboard, frasi come “prendilo come un uomo”, “sembra più pulito e maschile”, “taglio di un VERO UOMO” sono comunemente usati. Alcuni si lamentano della “femminilizzazione” degli uomini di oggi. Molti dei post hanno anche un tono marcatamente misogino (in cui una persona può sbraitare sulle donne nel barbiere).

La maggior parte degli uomini che ho incontrato nella comunità di taglio di capelli sono stati uomini tra i 30 e i 60 anni. Il feticcio non è così comune tra gli uomini più giovani. (Probabilmente perché era più comune per le persone mettere in discussione l’identità di genere di un uomo per la lunghezza dei suoi capelli in passato rispetto a oggi.)

Gli studi hanno dimostrato che i feticisti tendono ad avere scarse abilità sociali e tendono a isolarsi dagli altri. Questo sembra essere il caso per molti dei feticisti taglio di capelli che ho incontrato. La maggior parte sono perennemente single, e può soffrire di attacchi di solitudine. Internet, che a prima vista sembra una benedizione, può diventare il peggior nemico di questi uomini in quanto dà loro un mezzo per interagire con altri feticisti senza dover lasciare la loro casa e nessuna motivazione a fare altro che indulgere nel loro feticismo. Potremmo scoprire che la comunità di Internet servirà solo a isolare ulteriormente questi individui e perpetuare tendenze di dipendenza/compulsive già latenti.

Come faccio a far fronte a questo feticcio? C’è una cura?

La “cura” per questo feticcio è in realtà più di un piano di coping. La strategia qui presentata si basa su quella utilizzata dai terapeuti razionali-emotivi-comportamentali. Il piano è di:

1.) Riconoscere e correggere immediatamente i modelli di pensiero irrazionale (il legame tra il proprio senso di mascolinità e la lunghezza dei propri capelli)che perpetuano questo feticcio, e quindi:

2.) facilitare il controllo sui comportamenti compulsivi che derivano da questi modelli di pensiero.

Nella mia esperienza, non appena ci si rende conto dei presupposti irrazionali sottostanti che perpetuano questo feticcio, si avverte un effetto immediato. Non appena ti ritrovi a collegare i tuoi sentimenti di mascolinità con la tua acconciatura, fermati. Riconoscere che l’associazione è irrazionale e non ha alcun senso logico. La mascolinità non è intrinsecamente legata alla lunghezza dei propri capelli. Un taglio di capelli corto NON rende necessariamente uno più maschile (e quindi più desiderabile). Quando cambi i tuoi pensieri, cambi le tue azioni.

Ho scoperto di essere riuscito ad avere un dialogo interiore con me stesso, in cui mi sono fatto capire che la mia mascolinità non era legata alla lunghezza dei miei capelli e, inoltre, che non c’era nulla di sbagliato nella femminilità. Mi sono reso conto che la mia mascolinità innata sarebbe ancora presente anche se avessi i capelli lunghi. Mi sono reso conto di nuovo che gli uomini con i capelli lunghi possono essere ugualmente attraenti come quelli con i capelli corti.

L’associazione tra eccitazione sessuale e taglio di capelli è diventata sempre meno col passare del tempo, i miei nuovi modelli di pensiero hanno preso piede e sono stato in grado di avere una relazione più appagante con il mio ragazzo e altri uomini e donne.

Esistono, naturalmente, altri metodi di trattamento per pervasivi (invasivi?) feticismo. Farmaci, terapie di avversione e talk therapy sono stati tutti arruolati ad un certo punto. Tuttavia, ho trovato il metodo sopra descritto come il mezzo più diretto e più veloce per cambiare. Incoraggio quelli con fascinazioni particolarmente persistenti a cercare un aiuto professionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.