Il mio ragazzo beve troppo e si arrabbia

Sono una ragazza di 18 anni che sta per iniziare i miei esami finali a scuola. Mi sento come se la mia vita sta andando notevolmente bene; Sono felice, sto andando d’accordo con i miei genitori, ho grandi amici, e ad eccezione dello stress degli esami imminenti, sto andando bene a scuola. Però, il mio ragazzo di poco meno di un anno mi provoca un po ” di preoccupazione, legati specificamente al suo bere.

Circa quattro mesi fa si è messo in fila in un pub e abbiamo dovuto trascinarlo via. Si è arrabbiato molto con me e le mie amiche quando abbiamo cercato di aiutare. Questo era particolarmente spaventoso, poiché non ero sicuro che la sua rabbia potesse diventare fisica. Per fortuna non lo fece. La mattina seguente, non riusciva a ricordare quello che era successo, ma quando gli ho detto che si è scusato copiosamente ed era in lacrime per avermi sconvolto.

Meno di un mese dopo, io e le mie amiche stavamo ballando in un club. Era assolutamente infelice e si fermò in un angolo accigliato. Ha dato un pugno al muro ed è stato cacciato. L ” ho seguito fuori, nonostante le mie preoccupazioni circa la possibilità di lui diventare di nuovo aggressivo. Gli ho detto di uscire con i suoi amici, ma lui ha seguito me e le mie amiche. Mi ha rovinato la serata dover fare da babysitter al mio ragazzo imbronciato.

Ho cercato di convincerlo a parlare con il suo consulente scolastico. Ho avuto lunghe e ardue chiacchierate con lui sulla radice della sua rabbia nei miei confronti. È pieno di rimorso e si sente in colpa per quello che ha fatto. So che il suo comportamento nei miei confronti era manipolativo e abusivo, e non esiterei a rompere con lui erano questi eventi regolari. Ma qualcosa di questo tipo è successo solo tre volte, quindi spero che non accada di nuovo.

Ma temo che potrebbe accadere di nuovo. Anche se nella tua lettera molto più lunga (modificata per proteggere la tua identità) parli più di lui che è imbronciato e miserabile che abusivo, il suo comportamento nei tuoi confronti è abusivo e controllante.

È stato così tre volte in meno di un anno. E non sono solo questi incidenti “importanti”, ma le cose apparentemente piccole, ma altrettanto importanti, che sono successe nel mezzo. A un certo livello sai che contano perché me ne hai parlato nella tua lunga lettera: non ascoltarti, non preoccuparti di quello che pensi o di quello che dici, offrirti alcol quando hai detto che non ti senti bene, accendere e spegnere i sentimenti per manipolarti, la chiatta della spalla mentre ti passava davanti. Non ignorare nessuna di queste cose. Nessuno di loro promette bene, nessuno ti mette al primo posto, nessuno è gentile, amorevole o rispettoso.

Questo non è un rapporto sano per voi. Dopo un incidente dici che sei andato a casa sentendoti “furioso e infelice”. Questa è una buona risposta a ciò che sta accadendo, quella corretta al suo comportamento scadente. Fate attenzione a quei sentimenti.

Presta attenzione non tanto a ciò che dice ma agli schemi nel suo comportamento. Perché c’è uno schema. Hai scritto quasi 2.000 parole a me e nessuno ha dato la prova che lui è gentile con te. Ma vi dico quello che ho visto in quelle parole: una giovane donna brillante, intelligente e perspicace. Sai che questo tipo di comportamento non ti basta.

Il tuo ragazzo ha ovviamente problemi e sembra depresso. Lui stesso è solo un giovane uomo. Ma i suoi problemi non sono i tuoi problemi, né la tua responsabilità: sono solo suoi. Il suo comportamento è anche una sua responsabilità.

Si prega di non cercare di salvarlo, o pensare più si dà di te stesso, il più difficile si tenta, che lo si può fare meglio o cambiarlo. Hai cercato di aiutarlo e non è interessato ad aiutare se stesso. Naturalmente si scusa, questa è la parte facile; ma non è significativo a meno che non sia seguito da un cambiamento di comportamento.

Stai per sostenere esami davvero importanti: concentrati su di te e sul tuo futuro. Sono contento che tu abbia dei genitori solidali. Si prega di parlare con loro di questo. C’è un consulente con cui puoi parlare a scuola? Ho messo alcuni link in fondo che si possono trovare utili. Mettiti al primo posto. Perché non sembra che lo farà.

Il nascondiglio; Al-Anon Gruppi familiari; Childline.

• Ogni settimana Annalisa Barbieri affronta un problema familiare inviato da un lettore. Se volete consigli da Annalisa su una questione di famiglia, si prega di inviare il vostro problema a [email protected] Annalisa si rammarica di non poter entrare in corrispondenza personale. I contributi sono soggetti ai nostri termini e condizioni: vedi gu.com/letters-terms.

I commenti su questo pezzo sono premoderati per garantire che la discussione rimanga sugli argomenti sollevati dall’articolo. Si prega di essere consapevoli del fatto che ci può essere un breve ritardo nei commenti che appaiono sul sito.

{{#ticker}}

{{topLeft}}

{{bottomLeft}}

{{topRight}}

{{in basso a destra}}

{{#goalExceededMarkerPercentage}}

{{/goalExceededMarkerPercentage}}

{{/ticker}}

{{titolo}}

{{#paragrafi}}

{{.}}

{{/punti}}{{highlightedText}}

{{#cta}}{{testo}}{{/cta}}
a me Ricorda nel Maggio

metodi di pagamento Accettati: Visa, Mastercard, American Express e PayPal

Ci terremo in contatto per ricordare a contribuire. Cerca un messaggio nella tua casella di posta a maggio 2021. Se avete domande su come contribuire, non esitate a contattarci.

Topics

  • Family
  • Ask Annalisa Barbieri
  • features
  • Share on Facebook
  • Share on Twitter
  • Share via Email
  • Share on LinkedIn
  • Share on Pinterest
  • Share on WhatsApp
  • Share on Messenger

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.