Che cos’è il cloud computing e perché è importante per le imprese?

Il cloud computing si riferisce alla fornitura di infrastrutture IT, software operativo, middleware e applicazioni ospitate all’interno di un datacenter e accessibili dall’utente finale via Internet. Allora, qual è il Cloud computing nel mondo degli affari e quali sono le principali tendenze?

Il cloud computing viene in genere venduto utilizzando tre modelli di servizio:

  • Infrastructure as a Service (IaaS): un modello per affittare hardware IT, come server, spazio data center o componenti di rete, agli amministratori di sistemi IT o agli architetti di rete, risparmiando loro i costi di acquisto e costruzione del proprio data center interno.
  • Platform as a service (PaaS): un modello per fornire piattaforme IT per consentire agli sviluppatori di app di creare, eseguire e gestire applicazioni senza la complessità della creazione e della manutenzione dell’infrastruttura tipicamente associata allo sviluppo e al lancio di un’app.
  • Software come servizio (SaaS): un modello per la concessione di licenze e la distribuzione di software in hosting centralizzato via Internet su base di abbonamento a società e consumatori.

Perché il cloud computing è importante per le aziende?

Il cloud computing rende più semplice, economico e veloce l’esecuzione di architetture IT all’avanguardia in qualsiasi tipo di azienda, grande o piccola. I vantaggi principali sono:

  • Costo: è probabile che si verifichino significativi risparmi sui costi nel budget IT di un’azienda.
  • Flusso di cassa: La fatturazione è in genere misurata sull’utilizzo, quindi la spesa IT passa da una tantum, spese in conto capitale iniziali a spese operative mensili, offrendo un vantaggio di flusso di cassa.
  • Flessibilità: le aziende possono noleggiare apparecchiature IT e applicazioni secondo necessità, piuttosto che acquistare beni hardware e software a titolo definitivo.
  • Scalabilità: le capacità di calcolo come lo storage, la potenza di elaborazione o la larghezza di banda della rete possono essere ridimensionate quasi istantaneamente e ridimensionate di nuovo a seconda della domanda e è improbabile che gli utenti siano mai a corto di capacità.
  • Accesso onnipresente: Le risorse IT possono essere accessibili da qualsiasi utente autorizzato su qualsiasi dispositivo autorizzato da qualsiasi posizione autorizzata utilizzando una connessione Internet.

Le aziende beneficiano di risorse IT più economiche, veloci e scalabili nel cloud e gli utenti ottengono un’esperienza migliore. Esiste un circolo virtuoso tra utenti e sviluppatori di software nei cloud SaaS: gli sviluppatori possono migliorare il software più velocemente perché possono vedere i dati di utilizzo e prestazioni in tempo reale. Nel frattempo, gli utenti ottengono gli ultimi aggiornamenti software non appena vengono rilasciati, senza dover pagare di più o dover giocherellare con download goffi.

Questa connettività tra l’utente e il fornitore SaaS rende un modello di business significativamente superiore rispetto al tradizionale modello di licenza e supporto software on-premise. È questa connettività che è il punto di svolta per l’industria del software applicativo aziendale. Il cloud consente ai migliori provider SaaS di connettere non solo gli utenti con il team di sviluppo, ma anche dipendenti, partner, dispositivi, clienti e fornitori in una rete SaaS condivisa in tempo reale.

Quali sono i grandi temi nel Cloud computing?

Ciclo di vita del cloud

In termini di ciclo di vita del cloud, le industrie hanno superato la fase di early adopter e sono entrate nella fase di adozione mainstream. Il cloud ha ora guadagnato una certa trazione anche nei settori più conservatori come i servizi finanziari.

Cloud native companies

Molte aziende di software sono costrette a passare da un modello di software concesso in licenza, in cui vendono costose licenze software una tantum, a un modello di abbonamento Cloud, in cui applicano un canone mensile inferiore.

La prossima fase del Cloud potrebbe vedere l’emergere di una serie di aziende “Cloud native”. Queste aziende potrebbero basare il loro software nel cloud specificamente per la consegna del cloud. È probabile che incorporino una tecnologia cloud innovativa come i contenitori e l’architettura serverless. Inoltre, non sono appesantiti dalla sfida di trasferire le licenze esistenti e supportare le basi clienti in applicazioni legacy adattate al cloud.

Servizi IT minacciati

Il cloud computing offre un modo più economico, flessibile ed efficiente per gestire le spese IT aziendali. Questo lo rende una proposta molto attraente per la maggior parte dei CEO. Poiché le aziende evitano le apparecchiature IT interne a favore del noleggio di infrastrutture IT, piattaforme e software dal cloud, molte aziende di servizi IT tradizionali affrontano una seria minaccia.

Cybersecurity

Il passaggio al Cloud computing apre le aziende a un rischio maggiore di attacchi informatici. Come tale si prevede di aumentare la domanda di tutti i tipi di servizi di sicurezza informatica. Tre tecnologie di sicurezza informatica: gestione unificata delle minacce, intelligenza artificiale e sicurezza cloud dovrebbero guidare la domanda.

Spostando verso il basso lo stack Cloud

È più facile bloccare i clienti all’estremità inferiore dello stack di Cloud computing, a livello IaaS, che all’estremità superiore, a livello SaaS, poiché tutti i principali giocatori IaaS, come Amazon, Microsoft e Google eseguono sistemi proprietari e chiusi che non sono compatibili tra loro. Questo rende difficile per i clienti di trasferire facilmente tra i fornitori di IaaS. Inoltre, le economie di scala e gli elevati requisiti di spesa in conto capitale creano forti ostacoli all’accesso al mercato IaaS.

Nella parte superiore dello stack, i servizi SaaS sono più intercambiabili, rendendo più facile per i clienti scambiare da un’app all’altra. Di conseguenza, molti SaaS sono disperati per spostare verso il basso lo stack al livello PaaS e, infine, al livello IaaS nel tentativo di bloccare i clienti in per il lungo termine.

Proprio come i prodotti Apple funzionano bene perché Apple controlla hardware, software e contenuti, così i servizi cloud potrebbero funzionare meglio dove un singolo provider controlla tutti e tre i livelli: SaaS, PaaS e IaaS.

Cloud ibrido

Il cloud ibrido è sempre più il modello di distribuzione preferito per le grandi organizzazioni. Il cloud ibrido è un concetto ampio che descrive qualsiasi combinazione di Cloud interconnessi, siano essi pubblici, privati o di comunità.

Man mano che la tecnologia di cloud computing matura e il numero di implementazioni cloud aumenta, è inevitabilmente necessario connettere due o più Cloud distinti all’interno di un’organizzazione.

La crescente interconnessione di tutto nel Cloud, insieme a standard aperti, interoperabilità e applicazioni distribuite, potrebbe consentire ai Cloud ibridi di diventare la norma.

Nuvole verticali (Nuvole di settore)

Nuvole verticali collegano molti partecipanti del settore: clienti, fornitori o dipendenti, all’interno di un settore o di una comunità specifica. Esistono due tipi principali:

  1. I provider SaaS verticali collegano dipendenti, partner, dispositivi e clienti in un ambiente condiviso in tempo reale. Una volta che un fornitore di SaaS verticale raggiunge una posizione di leadership, gode di effetti positivi sulla rete ed è più probabile che fornisca una crescita rapida sostenibile aumentando al contempo la sua quota di mercato.
  2. I cloud della community di settore si verificano quando uno o più partecipanti del settore creano congiuntamente una piattaforma o un servizio cloud.

Effetti di rete

La trasformazione delle applicazioni aziendali in reti interattive di business community è forse l’aspetto più profondo del cambiamento di paradigma del Cloud computing.

Architetture serverless

Il software di virtualizzazione divide un server fisico in più server virtuali isolati. Questo riduce il costo di un data center on-premise. La virtualizzazione dei server è stata finora un fattore chiave del cloud computing. In effetti, la maggior parte dei servizi IaaS viene ancora fatturata su base macchina virtuale.

Ma questo è, in un certo senso, una sbornia del passato. Invece di dedicare tempo e sforzi agli sviluppatori per eseguire e mantenere i server, le architetture serverless consentono agli sviluppatori di “esternalizzare” l’hardware e concentrarsi solo sullo sviluppo di codice a valore aggiunto.

Serverless computing incoraggia e semplifica lo sviluppo di applicazioni microservizi.

Sebbene il serverless computing possa dover superare alcuni pregiudizi culturali e di percezione, è prevista una grande trazione, con il risultato che diventa un modello preferito per lo sviluppo di applicazioni.

Open source

Le aziende che si spostano nel cloud stanno costringendo i grandi ecosistemi software ad accogliere sempre più software open source nelle loro offerte Cloud.

La tecnologia condivisa, l’agilità, l’interoperabilità, la personalizzazione, la collaborazione e il supporto della comunità sono concetti molto rilevanti sia per il Cloud computing che per il software open source, ma meno rilevanti per il software proprietario distribuito on premise.

Qual è la storia del Cloud computing?

La storia del Cloud computing finora

  • 1999: Salesforce.com lancia CRM as a service
  • 2002: Amazon lancia AWS per sviluppatori
  • 2006: AWS lancia il cloud commerciale pay-per-use con i servizi S3 (storage) ed EC2 (computer)
  • 2008: Google lancia la App Engine offre agli sviluppatori un’applicazione scalabile ambiente
  • 2010: Microsoft lancia Azure IaaS (versione Beta)
  • 2011: Apple lancia iCloud e Microsoft acquista Skype
  • 2015: Global Cloud industria supera $100bn ricavi
  • 2016: AWS è superiore a $12 miliardi in IaaS/PaaS ricavi e ora offre 70 distinti servizi Cloud
  • 2017: Microsoft passa 10 miliardi di dollari nel fatturato SaaS. Salesforce è # 2 SaaS player con revenues 8.5 bn ricavi
  • 2018: la spesa globale per l’infrastruttura IT cloud supera l’IT tradizionale
  • 2019: Il mercato SaaS supera i revenues 110bn ricavi
  • 2020: i ricavi totali dei servizi cloud superano i $250bn

Questo articolo è stato prodotto in associazione con GlobalData Thematic research. Maggiori dettagli qui su come accedere a report approfonditi e classifiche dettagliate scorecard tematiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.